E' la vigilia del derby con Palestrina. Scodavolpe: "Dobbiamo imporre il nostro piano partita

E' la vigilia del derby con Palestrina. Scodavolpe: "Dobbiamo imporre il nostro piano partita

Una vittoria e due sconfitte nelle prime tre giornate di campionato. Ma ci sono sconfitte e sconfitte e quelle delle “Special Days – Virtus Valmontone” parlano di una squadra mai doma, capace di grandi rimonte e momenti di bel basket, caduta solo nei minuti finali. Questione di dettagli, che in un percorso di crescita di una squadra nuova possono anche starci e che in queste ore coach De Cesaris e il suo staff stanno cercando di limare.

Da stasera, però, tutto si azzera. Domani è il gran giorno del derby con Palestrina. Una gara a parte nel grande romanzo del campionato, un derby giovane che, però, ha già tante storie da raccontare.

«Sarà sicuramente una partita difficile – dice Dario Scodavolpe - il derby ha una sua valenza particolare che va oltre i due punti in palio. Noi siamo tranquilli, stiamo vivendo questa vigilia nella maniera giusta. Abbiamo, prima di tutto, analizzato la sconfitta di Matera, dove siamo stati sempre avanti, tranne l’ultimo quarto quando abbiamo accusato la mancanza di fortuna e soprattutto alcune scelte sbagliate in attacco e in difesa. Questione di particolari che ci hanno penalizzato contro avversari che si sono rivelati più cinici di noi».

Che partita sarà il derby? «Palestrina è una squadra esperta con giocatori che fanno della loro esperienza l’arma in più. Per vincere dobbiamo sporcare i loro meccanismi di gioco perché sono una squadra allenata molto bene. Si possono battere se accettiamo di dover difendere forte su tutti, perché hanno tanti giocatori con punti nelle mani, e cercando di imporre il nostro ritmo e il nostro piano partita».

In un campionato mai così duro come quello di quest’anno, la Virtus ha avuto un calendario un po’ penalizzante per una squadra ricostruita quasi per intero. «In effetti – prosegue Scodavolpe - stiamo lavorando e ci stiamo conoscendo. Dobbiamo continuare a conoscerci, a perfezionare i meccanismi sia in attacco e in difesa e, soprattutto a trovare presto una nostra identità precisa che è quella che, alla fine, permette a una squadra di esser tale»

Secondo Scodavolpe, per vincere il derby ci sarà bisogno, come non mai, del gruppo. «Dobbiamo dare tutti qualcosa in più – conclude - soprattutto a livello difensivo per avere quel quid che ci permetterà di vincere. Se proprio devo indicare un nostro uomo chiave, dico Nunzio Sabbatino, non tanto per i punti quanto per la lucidità nel condurre la squadra. Una regia lucida è la base di ogni buona squadra».